Home » Donna Cerca Uomo » Trans Romana cerca schiavo per momenti piccanti

Trans Romana cerca schiavo per momenti piccanti

Mi presento subito per quella che sono: mi reputo una vera trans romana, e per lo più una donna che racchiude tra le gambe l’attrezzo di un uomo, con una sola parola una trans. La mia inclinazione era plateale già da bambina anni in cui preferivo le bambole ai soldatini.

travestito-romaNegli anni essa si è ramificata in me stessa fino a farmi presentare, pensare, vivere, come una vera e propria donna, ma purtroppo, o per fortuna, tra le gambe i miei amici di letto hanno sempre trovato una gran bella sorpresa.

Non mi è difficile rimorchiare in ambienti particolari, per fortuna a quanto mi dicono gli amici che frequento sono molto bella, ma adesso voglio qualcosa di più. Ambisco infatti ad avere una relazione di sesso con un ragazzo, che abbia la curiosità di provare per la prima volta cosa significa stare con una donna, ma essere alla fine della serata scopata da un uomo.

Non è la ricerca di un emozione particolare, è solamente la voglia di soddisfare il mio corpo, insieme a un uomo con cui possa avere un amicizia veramente piccante.

Non basta però che egli voglia provare la stranezza del mio essere donna e uomo allo stesso tempo, voglio infatti trovare un ragazzo che voglia essere sottomesso, e che adori il mio corpo come se fosse quello di una padroncina in calore, vogliosa solamente di godere. Mi piacerebbe che chi rispondesse a quest’annuncio lo facesse con la consapevolezza, che la sua ricompensa sarà il mio corpo, ma che per averlo dovrà soffrire qualche dolorosa punizione.

Mi farei attendere vestita di tutto punto, all’interno della piccola casa che ho attrezzato con tutti i comfort, e che sarà la sua “prigione” dorata. Per guadagnarsi il mio cazzo dovrà pero superare qualche prova alquanto dolente, non sarà facile ma se sarà abbastanza motivato sicuramente alla fine della serata godrà della mia verga turgida.

Ho avuto spesso la possibilità di valutare quanto sugli uomini, la motivazione sia massima quando la ricompensa cui ambiscono è l’attrezzo che possiedo tra le gambe.

Ricordo una volta una situazione avuta con un uomo, che era alla sua prima esperienza con un transessuale. Egli si sottopose alle torture più atroci, pur di avere l’autorizzazione ad inginocchiarsi in mezzo alle mie cosce, sulle quali svettava già dall’inizio della serata un imponente erezione. Ricordo ancora il rumore della frusta che straziava le sue carni, e come potrei dimenticare i pesi che via via applicavo ai suoi capezzoli, facendogli superare passo dopo passo il limite che si era imposto.

Cerco adesso nella città in cui abito, Roma, un ragazzo che abbia le stesse voglie, insieme a lui potrei organizzare dolci serate all’insegna della sofferenza, e di un godimento che nessun essere può fornire, almeno che non sia come me una splendida …trans

I commenti sono chiusi.

Ti potrebbero interessare