L’infermiera troia e il paziente porco

0


 

Non avrei mai pensato che potesse accadere un fatto simile nella mia carriera da infermiera, sempre svolta con la massima professionalità! Eppure quella notte di agosto nella clinica privata in cui lavoro è successo dell’incredibile. La voglio raccontare con molto piacere perchè alla fine mi sono divertita molto, ma ci tengo a precisare che per me è stato un fatto inaspettato, al di fuori del lavoro sono una gran porca con il mio ragazzo, ma nella vita privata, non con uno sconosciuto su un letto di ospedale!

Comunque tornando al discorso, facevo il turno di notte insieme a una mia collega che stava in un altro reparto, quindi nel mio corridoio facevo avanti e indietro solo io, come di abitudine entravo nelle stanze a dare un’occhiata se era tutto sotto controllo e se i pazienti stavano bene. Entrata nella stanza 122 c’era solo il paziente C. un uomo di appena 40 anni con il menisco operato nella mattinata, allora mi fermo a parlare con lui del più e del meno chiedendo come stava e della riabilitazione con i tempi di recupero che gli aspettavano, ma… vedevo che non era molto interessato al discorso, non faceva altro che guardare la mia scollatura, quella notte faceva molto ma molto caldo, giuro che non lo facevo apposta ma le mie tette era umide e la mia quarta si faceva notare anche perchè il mio camice stava per esplodere.

Allora spontaneamente ho esclamato al paziente “ehy ma che ti sei imbambolato? mi segui con il discorso che ti sto facendo?” e lui senza un minimo di pudore “scusa cara sarà l’effetto dell’anestesia, mi hai fatto venire il cazzo duro” con un sorriso beffardo. Io ero rimasta di pietra non sapevo che dire, allora ho fatto finta di incazzarmi e gli ho detto “ma scusa sei un porco, come ti permetti a dire queste cose?” E lui “guarda che era un complimento”. Comunque ho continuato a fare il mio lavoro, dovevo cambiargli il pappagallo dato che non poteva alzarsi e doveva urinare. Ma lui si è messo a ridere dicendomi che non ci riusciva e se potevo dargli un’occhiata, io mi sono avvicinata e non resistendo a questa magica atmosfera erotica, gli ho sussurato all’orecchio “senti ma che intenzioni hai?” lui mi ha risposto con voce ferma e decisa “voglio fare sesso orale con te mi fai impazzire!”

Non una classica infermiera noiosa, sono una vera zoccola

Non ho perso tempo quella sera avevo voglia di trasgredire, mi sentivo una troia, mi sono chinata e ho iniziato a leccargli la cappella, a fargli una sega molto velocemente con il suo cazzo già bello umido, poi l’ho masturbato con i piedi tanto per farlo eccitare ancora di più ed infine una bella spagnola con le mie grosse tettone, insomma di tutto e di più, ero veramente scatenata e al paziente sembrava piacere molto, ha cominciato a urlare dalla gioia stava per venire ed io che non facevo altro che tappargli la bocca magari qualcuno della stanza accanto si allarmava credendo che stava male e invece stava solo facendo sesso con me. Alla fine mi sono fatta sborrare in bocca come è giusto che sia, per non sporcare in giro, ma sì diciamo anche che mi piace molto.

Un incontro molto hot con il mio paziente maialino

Quella notte ne ho approffitato che in camera era solo, che l’altro paziente del letto affianco era stato dimesso nel pomeriggio, altrimenti non sarebbe andata così, mi sono proprio superata e sono sorpresa di me stessa, non pensavo che io fossì così troia!

Ma resta il fatto che io non mi sono MAI pentita, anzi…se dovesse ricapitare lo rifarei molto volentieri, alla fine che c’è di male, ognuno di noi ha delle fantasie erotiche più nascoste e profonde, la mia era quella di scoparmi un mio paziente, che c’è di male? Un bacio!

Vuoi conoscere una donna in cerca di sesso senza impegno nella tua zona?

ISCRIVITI GRATIS!

Lascia un commento