Guida pratica e checklist ai preliminari perfetti

0


 

Premilinari sessuali: una parte fondamentale

Di questi tempi, purtroppo, i preliminari sessuali, noti anche come petting, sono rilegati ad un ruolo poco importante e, non di rado, vengono totalmente saltati per arrivare direttamente al sesso vero e proprio.

Erroneamente si crede che siano una perdita di tempo, che rallenta il momento di arrivare al sodo, ma in realtà sono una parte fondamentale dell’atto sessuale e come tale va fatta sempre e, soprattutto, va fatta bene.

Per questo motivo abbiamo preparato per voi un vademecum semplicissimo, con tanti consigli utili che rivoluzioneranno totalmente il vostro rapporto con il sesso e con la vostra dolce metà.

Ma cosa sono i preliminari sessuali?

Sotto questa definizione possono essere raccolte tutte quelle pratiche di natura intima e fisica volte a generare piacere in entrambe le parti coinvolte e che, appunto, anticipano l’atto sessuale vero e proprio.

Servono dunque ad accendere il fuoco, far aumentare la voglia, inturgidire il membro del maschio e bagnare la donna. Vanno dunque fatti lentamente, in modo da portare piano in un’altra dimensione, creare l’atmosfera giusta e la giusta intimità.

Inoltre in questo momento si gioca anche, in parte prendendo in giro e in parte provocando, dando quel brio e quel pepe che fanno la differenza tra il sesso scadente e quello di qualità.

Quali sono i preliminari sessuali?

Oltre ai baci e alle carezze, sono considerati preliminari anche i massaggi in più punti del corpo e, ovviamente, la stimolazione del clitoride per lei e del pene per lui.

Bisogna sempre ricordare che esistono zone erogene, come ad esempio il collo e l’orecchio, che non vanno trascurate se si vuole far eccitare oltre modo il compagno o la compagna. Inoltre, molto spesso le donne si limitano a toccare solo il pene, credendo che sia quello l’unico centro del piacere di un uomo.

Dimenticano completamente, ad esempio, i testicoli, che invece gli uomini amano essere toccati.

I capelli e il sedere, poi, non ce l’hanno solo le donne! Per gli uomini, invece, il consiglio è di considerare tutto il corpo di una donna, di farla sentire speciale in ogni sua parte e di non giocare con il clitoride quando è asciutto e di non farlo con violenza o come se si trattasse della rotellina del mouse.

Come fare bene i preliminari sessuali?

Non esiste un unico modo per fare petting, nè una linea unica da seguire per farlo sempre bene. Come del resto accade anche con il sesso. Il consiglio è quello di non partire avventati e di non muoversi a caso pur di fare qualcosa.

Invece è bene cercare di essere sciolti e disinvolti, di instaurare prima un rapporto di complicità con il compagno, in modo che non ci sia imbarazzo e che toccarsi a vicenda sia esclusivamente un piacere.

Inoltre, non è detto che i preliminari sessuali debbano condurre per forza al sesso, a volte può essere bello anche soltanto coccolarsi e utilizzare queste pratiche per conoscersi meglio.

Altri preliminari sessuali a cui forse non avete mai pensato

I preliminari sessuali non si fanno esclusivamente con la bocca o con le mani. L’eccitazione è qualcosa che coinvolge tutti i sensi e non soltanto il tatto e la vista. Infatti, potete coinvolgere l’olfatto usando candele profumate, che creano anche un’atmosfera intima, oppure oli per i massaggi con odori piacevoli e sensuali.

L’udito può essere coinvolto con una bella musica di sottofondo, ma anche con la propria voce, sussurrando parole dolci o, perché no, oscene.

Dei cinque sensi è rimasto il gusto, che può entrare in mezzo sotto forma di gioco. Mangiare sul corpo del partner, ad esempio, è un ottimo modo per divertirsi ed eccitarsi, posizionando alcuni alimenti, ad esempio le fragole o la panna, sulle zone erogene e lasciando che l’altro li lecchi via.

Vuoi conoscere una donna in cerca di sesso senza impegno nella tua zona?

ISCRIVITI GRATIS!

Lascia un commento